Se avete un acquisto su Amazon ma dopo aver ricevuto l’articolo, purtroppo, vi siete accorti che quello che avete ricevuto non è ciò che vi aspettavate, non c’è nessun problema, in quanto, potrete avvalervi del servizio Amazon resi che vi dà la possibilità di restituire al venditore l’articolo non conforme alle aspettative e ottenerne la sostituzione oppure addirittura il rimborso. Solitamente è possibile restituire l’articolo comprato su Amazon, senza particolare specifica del motivo, sino a 30 giorni dalla data in cui è avvenuta la consegna. Ci sono però alcuni casi in cui questa tempistica si riduce oppure altri in cui non si può far valere proprio il diritto di recesso.

Vediamo, adesso, come funziona la procedura che riguarda il reso su Amazon per gli articoli acquistati direttamente presso il più grande servizio di vendite online.

Come si ottiene il rimborso da Amazon?

Come dicevamo la politica prevista da Amazon per i resi permette di rimandare indietro gli articoli acquistati, senza specificare il motivo, sino a 30 giorni dalla data di consegna.

Le spese di spedizione però saranno a proprio carico, a meno che non si provveda a restituire l’articolo entro 14 giorni; in questo caso Amazon si farà carico anche delle spese.

Per quanto concerne i rimborsi, essi vengono erogati sullo stesso metodo di pagamento usato per l’acquisto oppure attraverso l’emissione di buoni Amazon. Più precisamente il rimborso si può avere attraverso l’emissione del buono Amazon al momento della ricezione del prodotto da parte del corriere, oppure attraverso un accredito sulla propria carta di credito dopo 1 settimana circa dalla ricezione dell’articolo da parte di Amazon.

In alcuni casi si può richiedere un rimborso immediato, ad esempio se l’articolo che vuoi restituire prevede questa possibilità, si può ottenere il rimborso senza dover aspettare la consegna del prodotto ma, ovviamente, ci si dovrà impegnare a restituire il bene entro 30 giorni dall’avvenuta consegna altrimenti il rimborso verrà sottratto dall’account; infatti, di solito questa modalità funziona con l’accredito di un bonus su un conto Amazon.

Ovviamente è superfluo precisare che tutti i prodotti che si intende restituire devono essere mantenuti in perfette condizioni o, comunque, nelle stesse in cui sono stati recapitati.

Per esempio, nel caso in cui abbiate comprato un articolo nuovo, questo non può presentare danni, che non siano diversi da quelli presenti eventualmente al momento dell’avvenuta ricezione. Lo stesso vale per quanto concerne l’acquisto di un articolo usato: questo non deve avere segni di usura o difetti di alcun genere, se non quelli già presenti quando è stata effettuata la consegna.

Articoli per i quali non si può effettuare il reso

Come dicevamo, esistono determinati casi in cui proprio non è possibile chiedere il reso. In particolar modo si tratta di alcune categorie di articoli che si trovano in una lista esclusa dal programma di Amazon resi e che, quindi, non si possono restituire, tranne che questi non presentino un guasto o dei difetti. Questi articoli che non fanno parte del programma dei resi si possono riassumere in una lista:

  • Prodotti confezionati su misura o personalizzati a proprio gusto;
  • Articoli che hanno una data di scadenza breve o siano a rischio deterioramento;
  • Beni che presentano un sigillo che è stato aperto a seguito della consegna;
  • Bevande di natura alcolica, il cui prezzo è stato pattuito nel momento della conclusione del contratto della vendita e, la cui consegna, viene fatta soltanto dopo 30 giorni in quanto il valore reale dipende dalle fluttuazioni del mercato che Amazon non può controllare;
  • Software e prodotti audiovisivi che hanno la confezione aperta o priva di sigilli;
  • Contenuti digitali la cui esecuzione sia già stata avviata;
  • Giornali, periodici e/o riviste, eccezion fatta per i contratti di abbonamento che riguardano la fornitura degli stessi.

Ovviamente per qualsiasi eventualità e chiarimenti, Amazon, mette a disposizione degli utenti una pagina con le specifiche della propria politica dei resi.

I più condivisi

Sterilizzatori biberon: meglio quelli a caldo oppure a freddo?

mamma che utilizza lo sterilizzatore di biberon

In passato la sterilizzazione si faceva bollendo ciucci, biberon e tettarelle ma fortunatamente, da diversi anni, si è ormai passati alla comodissima soluzione di utilizzare gli sterilizzatori. Ma quanti ne esistono!

Leggi tutto...

Biberon anticolica: ecco cosa devi sapere

I biberon sono uno strumento davvero indispensabile nella vita di ogni neonato. Soltanto con un biberon, infatti, i neonati non allattati al seno, hanno la possibilità di nutrirsi e quindi bere il loro latte. Inoltre, anche per le mamme che desiderano allattare, questo oggetto può essere molto utile nel caso in cui si presentasse l’eventualità di tirare il proprio latte o condurre un allattamento misto. Quindi, possedere almeno un biberon è assolutamente necessario.

Leggi tutto...

Chiavetta wifi per tv e il televisore diventa Smart

Succede sempre più di rado ma può comunque accadere di passeggiare in un negozio qualsiasi elettronica, e trovarsi davanti un bel televisore FullHD, magari da 40 pollici o anche superiore, che però non abbia funzionalità Smart. Questo non vuol dire necessariamente che stiamo guardando un televisore dato o una giacenza di magazzino, infatti i normali televisori hanno un prezzo di listino parecchio inferiori rispetto a quello degli SmartTv, i cosiddetti televisori intelligenti. Esiste un modo molto economico di trasformare il primo tipo nel secondo con una spesa davvero esigua.

Leggi tutto...