L’e-commerce ha cambiato le abitudini di acquisto dei consumatori in tutto il mondo e anche la filiera del packaging è in continua evoluzione passando dagli anonimi scatoloni in cartone imbottiti di polistirolo a materiali di  confezionamento sempre più leggeri, ecosostenibili per i clienti attenti all’ambiente, originali, personalizzati e anche riconoscibili, basti pensare al logo “Amazon” che campeggia su ogni confezione spedita o all’uso di buste colorate a cui attribuire un significato e un utilizzo a ciascun colore, ma che rendono la confezione stessa un regalo gradevole e unico oltre il contenuto.

L’evoluzione del packaging nell’e-commerce

ufficio

Le vendite online costituiscono in Italia oltre il 5% del mercato al dettaglio su una media globale del 10%. La crescita dell’e-commerce è un fenomeno evidente e non più sorprendente dal momento che si sono aperte all’e-commerce anche le porte dei supermercati e dei ristoranti con vendite last-minute e offerte di prodotti deperibili per combattere lo spreco alimentare. Il volume di affari  in Italia si attesta sui 23 miliardi di euro  annui in media, nonostante l’Italia risulti ancora in ritardo rispetto ad altri paesi europei come la Francia, la Germania o l’Inghilterra. Le previsioni sulla crescita dell’e-commerce portano a una stima di incremento del 15% entro il 2020 a livello globale di acquisti digitali.

L’e-commerce non è solo vendita online, ma coinvolge tutta una filiera che va dalla logistica al confezionamento alla consegna e che sta cambiando per migliorare la customer experience e trovare soluzioni di trasporto, consegna e packaging sempre più eco-sostenibili nell’ottica di un’imperante green economy: filiere produttive, servizi di consegna, strutture e tecnologie dei magazzini, confezionamento, mobilità dentro e fuori le città sono le sfide del futuro e-commerce. La consegna rapida, un prodotto che giunge a destinazione integro, un packaging accattivante che può permettere di far recapitare un regalo direttamente a destinazione senza ulteriori abbellimenti contribuiscono a migliorare la soddisfazione del cliente e incrementare le vendite.

Tra le priorità dei consumatori ci sono i tempi di consegna e i costi: negli anni si è scesi da una media di 4,5 giorni di consegna a 3,9, senza contare le aziende che si stanno evolvendo verso le consegne in giornata o con l’impiego di droni. Il 70% dei clienti italiani preferisce le consegne gratuite e quindi con zero costi di spedizione, una tendenza che giustifica le numerose offerte online per abbattere i costi di spedizione; ma un altro aspetto che migliora l’esperienza degli acquisti online da parte dei consumatori è il valore aggiunto di alcuni servizi, dalla scelta degli orari di consegna, all’appuntamento, alla tipologia di confezionamento che può essere personalizzata come si può fare con le buste colorate.

Il packaging nell’e-commerce è il frutto di una progettualità diversa dall’imballo destinato ai punti vendita e ai centri commerciali: occorre che garantisca una protezione efficace del prodotto e allo stesso tempo deve comunicare il valore del marchio, essere attento all’ambiente e ottimizzare i costi. In questa prospettiva, le opportunità di crescita nel settore sono molteplici. Il 40% della domanda richiede un pack green che si traduce in una:

  • Riduzione degli spessori dei materiali;
  • Meno plastica a favore della carta;
  • Un design minimal
  • Riduzione dei volumi per alleggerire i corrieri;
  • Riutilizzo del pack;
  • Confezioni antieffrazione con l’impiego di codici RFID o nastri adesivi personalizzati;
  • Facilità di montaggio (come per esempio le scatole con il fondo auto-montante).

Una tendenza in evidente crescita è la personalizzazione del packaging, le scatole o le buste personalizzate con il brand anche al’interno vanno nella direzione del fenomeno chiamato unboxing, vale a dire l’apertura del pacco condivisa sui social, un trend che nasce nel segmento lusso, ma che è in rapida diffusione anche su altre tipologie di beni, come il cibo e l’elettronica.

Il packaging con le buste colorate

Il rapporto Paper based packaging – Trends 2019 rivela che – soprattutto nel comparto lusso – si predilige la carta e il cartone come imballaggio primario, secondario o terziario in quanto è un supporto versatile, ecologico, in grado di fornire diversi tipi di qualità e robustezza che, proprio nel packaging di lusso, permettono di combinare varie tecniche di finitura e nobilitazione.

Ciò che gioca a favore degli imballaggi in carta – come per esempio le buste colorate - è la loro sostenibilità e  il peso ridotto; gli stessi imballaggi in cartone ondulato – negli ultimi 10 anni - hanno ridotto l’uso delle fibre di circa 1,2 milioni di tonnellate, a favore di soluzioni cartacee più robuste, ma più leggere e sempre in grado di minimizzare i rischi di danneggiamento in caso di urti o situazioni critiche in fase di consegna e smistamento.

Il packaging non è, tuttavia, un ambito che riguarda solo le spedizioni “voluminose”, la corrispondenza cartacea o l’invio di confezioni dai volumi ridotti costituiscono gran parte della gestione dei rapporti aziendali e di lavoro, dalle buste da lettera a quelle per l’invio di plichi e documenti cartacei realizzate con carta più resistente allo strappo o all’usura con chiusura gommata e adesivo ad alta resistenza. Le buste in carta o plastica leggera possono essere prodotte da materia riciclate oppure essere buste colorate, dalle classiche gialle per comunicazioni commerciali o ordinarie, a quelle con tonalità più vivaci o inconsuete per comunicazioni personalizzate, ideali in azienda per la spedizione di offerte riservate ai clienti fino ai classici biglietti di auguri colorati per ricorrenze, inviti, partecipazioni.

La gestione della comunicazione aziendale passa anche per l’impiego di materiale cartaceo idoneo per intrattenere rapporti con i fornitori e i clienti dall’invio delle lettere, ai volantini, ai biglietti da visita, alle promozioni e brochure.

Le buste colorate, in particolare, stanno uscendo dalle pure dinamiche aziendali per entrare sempre più nella quotidianità perché sono sempre più un elemento di moda utilizzate come shopping bag, in particolar modo le buste in carta con il fondo piatto e i manici ampi o quelle colorate in plastica particolarmente resistenti e impermeabili: si tratta di un trend che si ritrova anche nelle sfilate di moda, capienti buste/bag colorate da portare a tracolla come borse, personalizzate e personalizzabili, resistenti e modaiole. Le buste colorate usate come delle shopping bag offrono vari vantaggi: leggerezza, praticità, costi bassi, personalizzazione, dinamicità e per tornare al mondo delle aziende sono un ottimo veicolo pubblicitario.

Come migliorare la customer experience con il packaging

La differenza è data dalla cura del dettaglio. L’imballaggio oltre a proteggere il prodotto è anche il primo contatto tra venditore e cliente che richiede determinate caratteristiche anche al pacco, oltre che al prodotto che lo contiene. Un cliente può ritenersi soddisfatto di un acquisto e di come è stato imballato se:

  1. Il pacco si apre facilmente: la sindrome da frustrazione di apertura del pacco è rappresentata da l’uso di coltelli, taglierini, forbici per tagliare nastri adesivi, bucare il polistirolo e superare ogni ostacolo posto a involucro e protezione dell’oggetto acquistato. Un eccesso di imballaggio è giustificato solo da prodotti estremamente fragili o delicati .
  2. Il pacco è eco-friendly: il 52% dei clienti online è disposto a fare altri acquisti se l’imballaggio è eco-sostenibile e realizzato con prodotti riciclati o riciclabili o è riutilizzabile. Poter riutilizzare un pacco senza doverlo distruggere significa anche effettuare un eventuale reso riutilizzando l’imballaggio di spedizione.

Nel commercio online non essendovi l’incontro fisico tra cliente e venditore, l’unico modo per conquistare e fidelizzare un cliente è il packaging che funziona da biglietto da visita per ordini successivi, quindi una confezione personalizzata con il logo, l’uso della carta velina per proteggere il prodotto rende l’imballaggio più sofisticato rispetto a trucioli e pluriball (se il prodotto non è estremamente fragile), all’interno dell’imballaggio è consigliabile inserire del materiale promozionale o una cartolina con un codice sconto o qualcosa che premi l’acquirente per il suo acquisto e la fiducia riposta, o infine, introdurre un gadget omaggio. Ogni dettaglio serve per aumentare il piacere dell’acquisto online.





Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Le buste colorate per un packaging accattivante

ufficio

L’e-commerce ha cambiato le abitudini di acquisto dei consumatori in tutto il mondo e anche la filiera del packaging è in continua evoluzione passando dagli anonimi scatoloni in cartone imbottiti di polistirolo a materiali di  confezionamento sempre più leggeri, ecosostenibili per i clienti attenti all’ambiente, originali, personalizzati e anche riconoscibili, basti pensare al logo “Amazon” che campeggia su ogni confezione spedita o all’uso di buste colorate a cui attribuire un significato e un utilizzo a ciascun colore, ma che rendono la confezione stessa un regalo gradevole e unico oltre il contenuto.

Leggi tutto...

Il migliore abbigliamento per bmx: ecco qual è il giusto equipaggiamento!

Qualsiasi sport degno della sua fama, si contraddistingue per numerosi fattori: adrenalina percepita, difficoltà applicativa, strumenti impiegati, successo suscitato nei confronti del pubblico e giusto equipaggiamento.

Leggi tutto...

Sedie a dondolo: dal portico americano alle nostre case in stile moderno

Chi non conosce Benjamin Franklin, che tanta parte ebbe nella formazione degli Stati Uniti d’America? Ebbene, egli ebbe una parte di rilievo anche in ambito non prettamente politico! Infatti, fu proprio nel XVIII secolo che quest’oggetto intramontabile vide, in un certo qual modo, la nascita, in una forma molto simile a quella che noi oggi gli conosciamo.

Leggi tutto...